With these last three days at the Circuit of Jerez, the two Forward Racing Team riders, Eric Granado and Stefano Manzi, have completed their Moto2 pre-season test program. The two flag-bearer completed overall 11 days on track, yet most of them in wet conditions, which did slightly hamper the preparation for the upcoming season starting on March, 16th in Qatar.
During this last test, the restless and determined work of the Swiss Team has resulted in a growing performance of Eric Granado. The young Brazilian was able to reduced the gap from the leader by 0,8 sec compared to the first IRTA test at the same track in February 2018, after just two more days of experience with his new Suter MMX2. The talented rider managed to gradually improve his feeling and confidence on the bike as the team worked through the test schedule mainly concentrating on suspension settings. 
The rainy conditions also did not help Stefano Manzi who aimed to progress in his understanding of the 2018 Suter. The young Italian made significant steps forward during the time in Jerez, as he started to feel more and more comfortable on the bike. During this last outing Manzi focused mainly on improving the tyre life and worked on his race pace in order to be prepared for the first 20 laps of the season in the desert of Qatar.
Both riders will be back on track in only a week, when the highly anticipated 2018 Moto2 World Championship kicks finally off in Qatar.


unnamed-1.jpg

Stefano Manzi - Forward Racing Rider

“During the winter test we found some solid improvements. Yet, in Jerez we struggled to find the best feeling with the front of the bike. Therefore, we have worked a lot in this area and have definitely made progress. I’m starting to understand my bike and step by step I increase my balance with the Suter. We are still not 100% happy with the set up of, but with my crew we tried some different regulations and we will keep working on that also in Qatar with a positive approach. I’m really curious and enthusiastic to get on my bike for the season opening”.


unnamed-2.jpg

Eric Granado - Forward Racing Rider

“In the last days we made some changes with the set up of the bike, which we had thought about after the last test in Valencia. But again the weather conditions did not help us, because of the rain we did not make as many laps as we would have hoped for. During the whole winter tests we were pretty unlucky with the weather because it predominantly rained. Therefore, we are not at the level that we wanted to be at this point, but I’m still feeling confident as we have already made solid improvements. Since the beginning I knew that it won’t be easy, but I’m sure that we will progress quickly with the help of my team. The feeling with the bike is good but at the same time we still have a lot of steps to do. However, I’m ready and excited to give my 100% for the first race of the season in Qatar”.


milena.jpg

Milena Koerner - Team Manager

“With this last outing in Jerez, the 2018 pre-season tests are over. Unfortunately, we can’t say that we have been lucky regarding the weather conditions during this last month. We have only been able to complete 6 dry days with decent conditions, which has not been an ideal situation after the changes we went through this winter.  New bikes, new riders and new crew chiefs, therefore every hour of dry track time was really precious for us. 
So, even if we did not managed to complete the test schedule we would have hoped for,  we were able to make good progress. Compared to the first IRTA test in Jerez we lowered the gap to the front significantly, which shows that we are on the right way.  However, there is still a long path ahead and I am sure that both our technicians and our riders will continue their learning curve with our Suter MMX2 in Qatar. Therefore, we are confident for the upcoming season  and I am sure we will improve progressively”.


Test pre-season terminati  a Jerez per il  Forward Racing Team


Con queste ultime tre giornate di lavoro presso il Circuito di Jerez, i due alfieri del Forward Racing Team, Eric Granado e Stefano Manzi, hanno concluso il programma di test pre-campionato della Moto2. Nel totale di undici giorni complessivi, molti sono stati quelli flagellati dalle piogge e non sempre i piloti sono riusciti a provare le loro moto in condizioni favorevoli. Sicuramente tutto è servito come banco di prova importante in previsione del Gran Premio del Qatar, che aprirà la stagione il 16 marzo. 
In quest’ultimo appuntamento di prove, i primi frutti del lavoro svolto dalla squadra svizzera si sono visti chiaramente, con una presentazione in forte crescita di Eric Granado che, nonostante le poche ore utilizzabili in pista, è riuscito a ridurre di ben otto decimi il suo distacco dal gruppo di testa in confronto al prima test ufficiale di febbraio 2018. Il brasiliano ha fatto grandi progressi, migliorando il feeling con la moto e approfittando del tempo passato nei box per lavorare con la squadra ed i tecnici sulle sospensioni, sia anteriori che posteriori, e provando diversi set-up. 
La pioggia e le condizioni difficili non hanno aiutato neanche Stefano Manzi che ha lavorato molto per migliorare le proprie sensazioni in sella alla sua Suter MMX2. Il diciottenne ha fatto comunque buoni passi avanti nella tre giorni di Jerez ed ha ancora un ampio margine di miglioramento. In vista del primo round del Mondiale 2018, il centauro riminese ha preferito concentrare il suo lavoro sul passo gara, privilegiando insieme ai suoi meccanici diversi long run più che prove sul giro secco in preparazione ai 20 giri nel deserto di Doha. 
I due piloti torneranno in pista tra una settimana per prendere parte al Gran Premio d’apertura della Campionato Mondiale Moto2, sul Losail International Circuit in Qatar dove, dopo aver approntato le ultime modifiche tecniche, cominceranno a misurarsi con i propri rivali della classe intermedia.


unnamed-1.jpg

Stefano Manzi - Forward Racing rider

“Pensando a tutti i test che abbiamo fatto fino ad oggi credo che nel complesso abbiamo seguito un buon percorso di miglioramento. Negli ultimi giorni passati qui a Jerez, le prove sono andate meglio: nonostante la moto nuova e la difficoltà nel trovare il giusto feeling, abbiamo fatto dei progressi. Sto imparando a conoscere la moto pian piano e sto trovando progressivamente il mio equilibrio in sella alla Suter. Il lavoro sul setting è ancora in corso d’opera, insieme ai ragazzi della squadra abbiamo tentato diversi aggiustamenti e continueremo su questa via anche in Qatar, il margine di miglioramento è ancora grande e siamo fiduciosi in merito. Sono molto curioso e entusiasta di scendere in pista per aprire al meglio la stagione”.


unnamed-2.jpg

Eric Granado - Forward Racing rider

“In questi ultimi giorni abbiamo apportato delle modifiche sulla moto che avevamo già pensato di fare dopo i test di Valencia. Le condizioni climatiche non ci hanno aiutato nemmeno questa volta, infatti ha piovuto tanto e non siamo riusciti a fare tutti i giri che avremmo voluto sull’asciutto. Purtroppo questa stessa situazione non si è presentata solo ora ma ha contraddistinto tutti i test di questo precampionato. Devo essere realista e dire che probabilmente non siamo riusciti ad arrivare dove avremmo voluto essere a questo punto, ma mi sento comunque di ribadire i grandi progressi fatti ad oggi, dove il mio distacco dal gruppo di testa si è ridotto notevolmente, ben di 8 decimi. Sapevamo sin dall’inizio che non sarebbe stato semplice, ma sono fiducioso di ciò che posso fare io insieme alla mia squadra e al sostegno dei tecnici Suter. Il feeling con la moto è comunque migliorato notevolmente e abbiamo ancora molto margine di miglioramento. Questo mi fa partire per il Qatar ancora più propositivo e pronto a dare il 100%”.


milena.jpg

Milena Koerner - Team Manager

“Con quest’ultima tappa a Jerez si sono conclusi i test precampionato del 2018. La fortuna non è stata propriamente dalla nostra parte, soprattutto a causa delle condizioni meteorologiche che ci hanno permesso di sfruttare appieno solo sei giornate di test completamente asciutte; ciò ed i molti cambiamenti avvenuti quest’anno all’interno della squadra, a partire dalla moto, ai nuovi piloti ed i nuovi capomeccanici, mi fanno dire che qualche giorno in più di pista asciutta ci avrebbe sicuramente agevolati  maggiormente per portare a termine il lavoro che ci eravamo prefissati. Nonostante ciò i progressi rispetto ai primi test ci sono stati, infatti su questa stessa pista, durante i test di inizio febbraio, il distacco tra noi ed il gruppo di testa si aggirava intorno ai due secondi, mentre ad oggi parliamo solo di 1,4 sec. Questo ci fa quindi terminare i test soddisfatti per il lavoro fatto. Sicuramente c’è ancora un buon margine di miglioramento ed in Qatar continuerà il nostro processo di apprendimento, sia da parte dei piloti, che da parte dei tecnici, nei confronti della Suter MMX2, per arrivare a poterla sfruttare e comprendere al meglio del suo potenziale. Siamo positivi e partiamo per il primo GP di stagione fiduciosi di poter migliorare in maniera progressiva”.