Due to his crash during the French GP six weeks ago Forward Racing Team’s Luca Marini would have required some rest after he bruised his left shoulder heavily, which unfortunately was not possible with the German round at the Sachsenring being the fourth race in five weeks’ time.
 
At this historical circuit, which features ten left and only three right corners, Marini fought bravely during the first two days of action, but suffers too much pain which forced him to take the decision to pull out of the final round before the summer break.
 
For the ninth round of the Moto2 World Championship the weather conditions dictated the course of action on Saturday, as after a cloudy but dry morning practice, the rain returned to the 3.671 kilometer circuit and mixed up the classification during the all-important qualifying in the afternoon.
 
The 19-year old Marini showed a fantastic effort on a wet surface and did 17 laps overall, although the demanding track layout gave him a hard task to master and is especially painful for the young Italian, who has recently been diagnosed with a minor fracture on his left collarbone. Despite this, Marini was able to secure a top 15 result in today’s timed session, but nonetheless he decided to relinquish the 29 laps sprint tomorrow in order to protect himself as his kind of effort would not favour his healing process.
 
On the other hand, Fuligni, who faces the Sachsenring for the first time this weekend, progressed further in FP3 this morning. He lowered his lap time by 1.172 seconds and continued his evolution during the qualifying session. However, his learning process was hampered by the tricky and ever changing weather conditions, which however could not prevent the young Italian from improving lap by lap. Fuligni feels now ready and confident to tackle the hard-fought race, which starts at 12.20 local time tomorrow.


Luca Marini - 15th (1’33.857)
“Unfortunately, I imagined that the weekend here at the Sachsenring could have been very challenging as I feel my shoulder injury heavily and sadly it happened exactly like this. At this circuit, there are so many left corners in a row and this is very complicated for me, because I lose strength after just a few laps. I’m very sorry, because we already count four races now, where this injury affects us. Regarding my shoulder, I’ll do further checks as soon as I’m back home, as apart from the inflammation and the edema there has also recently been found a small fracture in my left shoulder, a factor that has surely increased the level of pain. I was hoping that my physical deficit would have been less obvious with wet conditions, but during the qualifying session I realized that despite the rain I was in the similar difficulty after a few laps. For this reason, I have to retire from tomorrow’s race. I think my health is the most important thing and I have to concentrate on being fit for the reminder of the Championship. I will use the summer break to recover and come back stronger in Czech Republic. Riding today was quite frustrating, not just for me, but for my team as well. Finding ourselves constantly in these positions, knowing that we could do much better, is not the best."


Federico Fuligni - 31st (1’37.733)
“The Saturday here at the Sachsenring went quite well for me. In FP3 I was able to improve myself, plus with the team we could progress with the bike as well. We lowered our lap time from yesterday significantly and closed the gap to the front. I found some better lines and could also take some more speed into and out of the corners. At the beginning of the qualifying practice I didn’t feel too bad, and my position was not as far from the top, but at the end I made a mistake to pit in, so I didn’t advance as much as I thought would have been possible. Maybe I could have done some faster laps, if I stayed out on track to have a better feeling with the bike. Anyway, if we face these conditions tomorrow, I think we can do a decent race, because overall I was confident with the bike.” 


Giovanni Cuzari - Team Owner
“Once again luck was not on our side today, since Luca won’t be on the starting grid tomorrow. However, our priority is the riders’ health and the decision not to start is more than reasonable, considering that tomorrow the risks would be far higher to the points to gain. As for Federico, he is a young rider, who is learning a lot. He is taking full advantage of this weekend, especially because the track is very tricky and in addition the climatic conditions are certainly not favourable. We like the approach he has shown inside the pit box and how he is progressing. Tomorrow he’ll be the only rider on the grid wearing our colours and for this we hope he will do a decent race. At that point, we also want to give Lorenzo a warm greeting and hope he’ll be soon back with us as well as on track.”


Marini si ritira dal GP di Germania


Le conseguenze dell’incidente avvenuto durante il Gran Premio di Francia, sei settimane fa, continuano a limitare Luca Marini. I pochi giorni fra la gara ad Assen e quella al Sachsenring non gli hanno concesso il tempo di recuperare una discreta forma fisica. A complicare la situazione il layout del circuito tedesco che, con ben dieci curve a sinistra e solo tre a destra, mette a dura prova la spalla sinistra infortunata. Il pilota del Forward Racing Team ha coraggiosamente stretto i denti in questi primi due giorni in Germania, ma il dolore acuto alla fine lo ha costretto a prendere la decisione di non partecipare all’ultima gara prima della pausa estiva.
 
Dopo un’ultima sessione di prove libere svoltasi in una mattinata nuvolosa ma con asfalto asciutto, la pioggia è stata protagonista durante le qualifiche avvenute sui 3.671m del Sachsenring, teatro del nono round stagionale del Campionato del Mondo Moto2.
Il diciannovenne Luca Marini ha mostrato grande spirito combattivo sull’asfalto bagnato, portando a termine 17 giri, malgrado il dolore fisico, ed entrando nella Top15 in qualifica. Nonostante tutto, Marini ha deciso di non correre per non mettere a rischio la sua incolumità perché recenti controlli medici hanno evidenziato una piccola frattura alla clavicola sinistra.
 
Dall’altro lato del box, Federico Fuligni, che questo week end sta disputando la sua prima gara al Sachsenring si è migliorato nelle FP3 odierne rispetto ai risultati ottenuti nelle prime due sessioni libere. Il giovane bolognese ha abbassato il suo giro veloce di 1.172 secondi e ha continuato a lavorare nella stessa direzione anche nella sessione cronometrata del pomeriggio. Dopo aver abbassato il proprio tempo giro dopo giro, il numero 22 si sente pronto per affrontare il compito impegnativo che dovrà svolgere in gara, quando i semafori si spegneranno sulla la linea di partenza domani alle ore 12.20.


Luca Marini - 15° (1:33.857)
“Come immaginavo sarebbe successo, qui al Sachsenring l’infortunio alla spalla si fa sentire. In questo circuito ci sono numerose curve a sinistra di fila ed è molto complicato per me perché dopo pochi giri perdo la forza e mi spiace perché ormai sono quattro gare che questo infortunio ci condiziona. Per quel che riguarda la spalla, quando sarò a casa farò ulteriori controlli anche perché recentemente è stata riscontrata una piccola frattura della spalla sinistra, oltre all’infiammazione e all’edema, fattore che sicuramente ha aumentato il livello del dolore. Speravo che con la pista bagnata questo mio deficit fisico sarebbe stato meno evidente, ma durante la qualifica mi sono reso conto che nonostante la pioggia dopo alcuni giri ero lo stesso in difficoltà. Per questo motivo purtroppo dovrò rinunciare alla gara di domani, penso che la mia salute sia la cosa più importante e devo concentrarmi per essere in forma per il resto del Campionato. Sfrutterò la pausa estiva per recuperare al meglio per il Gran Premio di Brno, anche perché correre così è piuttosto frustante, non solo per me ma anche per la squadra, e trovarci costantemente in queste posizioni, sapendo che si potrebbe fare molto meglio, non è il massimo.”


Federico Fuligni - 31° (1:37.733)
“Questo sabato qui al Sachsenring è andato abbastanza bene per me. Nelle FP3 mi sono migliorato e in più con la squadra abbiamo perfezionato anche il setup della moto. Siamo riusciti ad abbassare il tempo del mio giro veloce in modo significativo rispetto a ieri e ho diminuito anche il gap rispetto alla testa della classifica. Ho trovato traiettorie migliori da seguire per aumentare la velocità in ingresso e in uscita curva. All’inizio della sessione di qualifica la mia sensazione con la moto era abbastanza buona e anche la mia posizione era migliorata, ma ho fatto l’errore di rientrare ai box prima della fine e quindi non ho abbassato il tempo tanto quanto speravo sarebbe stato possibile. Infatti, se fossi rimasto in pista avrei potuto fare qualche altro giro e prendere maggior confidenza con la mia Kalex anche sul bagnato. In ogni caso se domani ci saranno queste condizioni di pista, penso che potremo fare una discreta gara, perché nel complesso mi trovo bene con la moto.”


Giovanni Cuzari - Team Owner
“Ancora una volta la fortuna non è dalla nostra parte visto che Luca non potrà essere presente domani in griglia di partenza. La nostra priorità però è la salute del pilota e la decisone di non correre è più che ragionevole, considerando che domani le perdite sarebbero superiori alle vittorie. Per quanto riguarda Federico, è un pilota giovane, che sta imparando molto. Sta sfruttando questo week end molto bene, soprattutto perché il tracciato è complesso e in più le condizioni climatiche non sono di certo favorevoli. Ci piace l’approccio che ha mostrato all’interno del box e sta facendo i suoi passi in avanti. Domani sarà il nostro unico portacolori in griglia e per questo speriamo che ci darà prova di una gara discreta. Mandiamo al nostro Lorenzo un caro saluto, sperando si rimetta presto e torni in pista con noi.”