Only 24 hours left to the first race of the Moto2 world championship which will take place tomorrow at Losail International Circuit in Doha. Today the riders of Forward Racing Team had to face different weather conditions compared to yesterday. A strong wind was blowing sand on the track making the first qualifying session really difficult. This situation didn’t diminish the determination of Forward Racing Team riders who worked hard in order to improve the set-up for Sunday.
During the afternoon session Stefano Manzi tried some new parts on his Suter MMX2 in order to find better stability when breaking. During the qualifying session the young rider from Rimini found a very dirty track due to sand and his bike was sliding a lot. On the side of the garage, Eric Granado suffered the same technical issue of yesterday in today’s FP3 session, which he had to finish after only 6 laps. Therefore, the organization decided to exchange his engine and consequently Granado was finally able to finish a full session with a time of 2:03.516, only 3 tents of a second after his teammate.
Both riders are now fully focused on the race that will ‪start tomorrow at 5:20 pm‬ local time.


unnamed-1.jpg

Stefano Manzi - 28th (2:03.263)

“During FP3 I’ve tried a few new parts on my bike and I had immediately a better feeling and more stability while breaking. Yet, these changes highlighted new areas we need to focus on; I don’t have a lot of grip on the rear but I’m sure that was also due to sand on track. We definitely worked hard in these days, however I am still not feeling completely comfortable on the bike. This is not really the way I wanted to start the first race of the season but I’m sure that tomorrow during the warm up we will be able to make some adjustments. My goal for the race is for sure not easy because I start at the back but I will try my best to make some progress during the demanding 20 laps to recover as many positions as possible.”


unnamed-2.jpg

Eric Granado - 30th (2:03.516)

“Today has been another tricky day. During the first session I had the same technical issue that I experienced yesterday and we could only solve it when we got the permission to change the engine. Fortunately, the team adjusted this situation before the qualifying session, which has been also the only practice, which I was able to fully run this weekend. I improved step by step and now I feel better on the bike, but I still need to find a decent setting because I did only few laps. Therefore, the race won’t be easy because I will start from quite far behind, however I will give it my all and I stay positive.”


milena.jpg

Milena Koerner - COO

“Today was not an easy day. Concerning Eric, the technical problem we have experienced yesterday was not solved during this morning's FP3 and what seemed to be an issue with the radiator turned out to be connected with the engine which we were allowed to change after FP3. This has been quite a disadvantage for our Brazilian rider who really started the race weekend only during the qualifying session. Now we will finally be able to analyse his data and improve the bike during the warm up. Still he managed to get quite close to his teammate finishing only 3 tenths of a second behind him. This was a good effort considering all the circumstances. On the other hand, Stefano felt more comfortable on his bike after some modifications we tried in FP3, yet he is still struggling to take full advantage of the potential of his Suter MMX2. It goes without saying that this was not the way we wanted to commence the opening round, however we know that the 20 laps tomorrow will be demanding and many things can happen. For sure both our riders will try their absolute best the finish as close as possible to the top."


Partenza in salita per i piloti del Forward Racing Team


Mancano ormai sole 24 ore alla tanto attesa prima gara di campionato del mondo Moto2, che si terrà domani sotto i riflettori del Losail International Circuit di Doha. Nella giornata odierna i portabandiera del Forward Racing Team hanno dovuto affrontare condizioni metereologiche diverse rispetto a ieri. Un forte vento ha sollevato molta sabbia e ciò ha reso difficoltosa questa inaugurale sessione di qualifiche. Questo non ha diminuito la determinazione di entrambi i piloti del Forward Racing Team, che hanno lavorato sodo per migliorare i rispettivi set-up in vista di domenica.
Nel turno del pomeriggio Stefano Manzi ha provato alcune novità sulla sua Suter MMX2 continuando il percorso iniziato ieri, al fine di trovare una migliore stabilita in frenata. In qualifica il giovane riminese è stato confrontato con una pista molto sporca, a causa della sabbia, che ha causato un notevole pattinamento della moto. Al suo fianco nel box, Eric Granado, che nelle FP3 è stato ostacolato nuovamente dal medesimo problema tecnico del giorno precedente, ha dovuto interrompere l’ultima sessione di libere dopo soli sei giri. Ciò ha spinto l’organizzazione a cambiare il motore assegnato al giovane brasiliano, che nel pomeriggio è così finalmente riuscito a concludere per la prima volta un’intera sessione sulla pista qatarina, registrando un miglior tempo di 2:03.516, a soli 3 decimi dal suo compagno di squadra.
 
Entrambi i piloti sono concentrati per sfruttare al meglio le informazioni raccolte in vista della gara di domani che comincerà alle 17.20, ora locale.


unnamed-1.jpg

Stefano Manzi - 28º (2:03.263)

“Durante le FP3 ho provato delle nuove componenti sulla moto, che mi hanno da subito dato un miglior feeling, infatti mi sentivo più stabile in frenata.  Allo stesso tempo questi cambiamenti hanno enfatizzato nuove aree di lavoro su cui concentrarsi, infatti ho poco grip sul posteriore, ma questo è sicuramente anche dovuto alla molta sabbia che c’era in pista. Nonostante il lavoro di questi giorni non abbiamo ancora trovato la condizione che mi fa sentire più a mio agio. Sicuramente questo non era il modo in cui avrei voluto iniziare il Gran Premio d’apertura, ma sono certo che domani nel Warm Up potremo approfittarne per fare ancora qualche piccolo aggiustamento. Il compito che mi sono dato per la gara non è di certo semplice, essendo che parto da molto indietro, ma io darò il mio 100% per avvicinarmi quanto più possibile alla zona punti”.


unnamed-2.jpg

Eric Granado - 30º (2:03.516)

“Oggi è stata una giornata difficile. Durante il primo turno abbiamo avuto ancora lo stesso problema tecnico alla moto, che si è poi risolto quando abbiamo ricevuto l’autorizzazione di cambiare il motore. Per fortuna abbiamo sistemato questa situazione prima della qualifica, che alla fine è stato il primo turno completo che sono riuscito a fare in questo week-end. Ho avuto un miglioramento costante ed ora mi sento meglio sulla moto, ma devo ancora trovare il giusto setting, perché ho comunque girato poco. La gara non sarà facile perché partiamo da molto dietro in griglia, ma io darò comunque il massimo e rimango positivo”.


milena.jpg

Milena Koerner - COO

La giornata è stata sicuramente molto impegnativa. Per quanto concerne Eric, il problema tecnico riscontrato ieri si è ripresentato anche oggi. Ciò che sembrava dipendere dal radiatore, si è infine rivelato come un malfunzionamento del motore, che ci è stato dovuto cambiare dall’organizzazione dopo le FP3. Ciò ha svantaggiato notevolmente il nostro pilota brasiliano che ha effettivamente iniziato il suo Week-End di gara solo nel turno decisivo di qualifica. Ora finalmente potremo analizzare i suoi dati e cercare di apportare ulteriori miglioramenti durante il warm up di domani e limitare i danni in gara. Il fatto che nonostante tutto sia riuscito ad avvicinarsi fino a soli tre decimi dal suo compagno di squadra, denota sicuramente una prestazione notevole. Per quanto riguarda Stefano, dopo i cambiamenti apportati nelle FP3 il suo feeling con la moto è sicuramente migliorato e stiamo continuando a lavorare per metterlo il più possibile a proprio agio, cosa che sembra risultargli più difficoltosa del previsto. Anche se i presupposti per la gara non sono propriamente dei migliori, sappiamo che in 20 lunghi giri di gara può succedere di tutto ed i nostri piloti daranno il massimo”.