At the Losail International Circuit the first race of the 2018 Moto2 season has just finished for the Forward Racing Team. Although the weather was colder compared to the previous days, the strong wind did not give a rest the two flag- holders of the Swiss based team.

Manzi, who started from the 28th position on the grid, pushed since the beginning and was able to gain several positions during the opening laps. After a tough weekend the young rider from Rimini did his fastest lap during the race with 2:02.121.

His teammate, Eric Granado, had to face a similar situation as also his race started from quite far back of the grid. The 21-year old tried to use the experience gained during the qualifying session which was the only practice he was able to fully run due to the engine issues in the previous days. However, later during the race his recovery was hampered by an issue with the seat of his bike which made him lose again precious time.

After an uphill start of the season the Forward Racing Team will be back on track in two weeks at Termas de Rio Hondo Circuit in Argentina for the second race of the season.


unnamed-1.jpg

Stefano Manzi – 26th (+1’01.581)

“This first race of the season has been a tricky one. I had a good start and during the first laps, when the tires were new, I had a decent pace and I was in strong group. After the eighth lap both tires had an extreme drop consequently my times were slower and I finished in a position that was not the one I was hoping for. In the next two weeks the hard work will continue to arrive well prepared in Argentina.”


unnamed-2.jpg

Eric Granado - Forward Racing Rider

“The weekend ended as it commenced. I had a decent start but already at the end of the first lap I did a wrong line losing several positions. I tried to regain them but I was lacking stability when braking. It is obvious that I didn't have a perfect set up as I had just a very short amount of time on track. Later, with six laps to go my seat started moving so I had to take it of in order to be able to finish the race. I hope to be more competitive in Argentina. From this tough race I learned a lot which is all knowledge to be added to my world championship experience.”


unnamed.jpg

Giovanni Cuzari - CEO Forward Racing Team

“It goes without saying that this first round of the season has been a really tough and unfortunate one for our team. The technical issue with Eric’s engine has certainly hampered him to show his true potential as well as to get more familiar with his new bike. That’s really a pity as the next race will be in Argentina, which come as close as we can get to his home, therefore I’m sure we wanted to arrive in Sud America with a different result. Yet, we knew that the start of the season would have been tricky as the whole team needs to build up its experience with the Suter MMX2. Regarding Stefano, we are very happy to see that he made further progress during this weekend, as he completed his fastest lap during today’s race. Moreover, the race was the first time he completed 20 laps in a row and the data will certainly help us to arrive stronger in Argentina. I also would like to take this opportunity to thank all of our sponsors for the precious support as well as the team for their huge efforts during this week.”


Si spengono i riflettori sul circuito di Losail


È terminata, sotto i riflettori del Losail International Circuit, la prima gara di campionato per il Forward Racing Team. Nonostante le temperature odierne fossero più basse rispetto i giorni precedenti, il forte vento non ha dato tregua ai due giovani portabandiera del team Elvetico.

Manzi, che partiva dalla 28esima casella in griglia di partenza, ha spinto forte fin dai primi giri riuscendo ad effettuare una buona partenza e recuperando da subito diverse posizioni.  Il giovane riminese, dopo un fine settimana tutto in salita, è riuscito a registrare in gara il suo miglior giro, fermando il cronometro a 2:02.121.

 Anche la gara del giovane brasiliano è iniziata con metri in più da percorrere rispetto al gruppetto di testa. Granado ha cercato di mettere in pratica quanto appreso durante le qualifiche, primo turno del week-end che è riuscito a terminare dopo i problemi riscontrati al motore nelle sessioni precedenti. Nella parte conclusiva della gara il ventunenne ha subìto la rottura della sella e questo inconveniente che gli ha causato una ulteriore perdita di tempo.

 Dopo un inizio di stagione decisamente in salita, il Forward Racing Team tornerà in pista tra due settimane sul circuito di Termas de Rio Hondo, in Argentina per il secondo appuntamento del Campionato del Mondo Moto2 2018.


unnamed-1.jpg

Stefano Manzi – 26° (+1’01.581)

“Questa prima gara di campionato è stata impegnativa. Devo dire che sono partito abbastanza bene e nei primi giri, quando le gomme erano nuove, ho tenuto un buon ritmo ed ero in un bel gruppo. Dopo l’ottavo giro ho avuto un calo eccessivo sia della gomma anteriore che di quella posteriore e ciò mi ha fatto alzare non poco i tempi finendo così molto più indietro rispetto a quello che poteva essere il potenziale di questa gara. Il lavoro continuerà anche nelle prossime due settimane per arrivare in Argentina più preparati anche grazie ai dati raccolti in questo week-end.”


unnamed-2.jpg

Eric Granado – 30° (+1’26.192)

“Il week-end è terminato come è iniziato. La partenza in realtà è stata positiva, ma subito alla fine del primo giro ho sbagliato una traiettoria ed ho perso diverse posizioni. Ho cercato di recuperare, ero poco stabile in frenata e ciò sommato al troppo poco tempo passato in pista non ha di certo aiutato l’andamento della gara. Io comunque ho fatto del mio meglio. A sei giri circa dalla fine ho cominciato a sentire la sella muoversi fino al punto che ho deciso di staccarla per cercare di terminare la gara. Spero che in Argentina riuscirò ad essere più competitivo e a girare di più, perché ne ho davvero bisogno. Da questo Gran Premio così in salita imparerà certamente moltissimo e ciò  amplierà  il mio bagaglio di esperienza nel mondiale.”


unnamed.jpg

Giovanni Cuzari - CEO Forward Racing Team

“Non c’è bisogno di dire che questo primo round della stagione è stato sfortunato e difficile per il nostro team. Il problema tecnico riscontrato sul motore di Eric lo ha sicuramente ostacolato nel mostrare il suo vero potenziale, così come nel fatto di poter prendere più confidenza con la sua moto. Questo è davvero un peccato, in quanto la prossima gara sarà in Argentina, quindi vicino alla madre patria del nostro giovane brasiliano e avremmo voluto arrivarci con un risultato differente alle spalle. Ciò detto avevamo già tenuto in conto che questo inizio di stagione sarebbe stato in salita, essendo che l’intera squadra ha necessità di accumulare esperienza con la Suter MMX2 Per quanto riguarda Stefano, siamo contenti di vedere che è migliorato in modo progressivo, infatti ha segnato il suo miglior giro del week-end proprio in gara. Oltre ciò, per la prima volta ha completato 20 giri consecutivi ed i dati raccolti ad oggi ci aiuteranno sicuramente ad arrivare più competitivi in Argentina. Per finire vorrei cogliere l’occasione per ringraziare tutti i nostri sponsor per il prezioso supporto e l’interno team per il duro lavoro di questo fine settimana.”