Il Gran Premio delle Americhe è terminato, lasciando l’amaro in bocca al Forward Racing Team, dopo che un’ottima rimonta del cadetto della VR46 Riders Academy, Stefano Manzi, aveva fatto sperare alla zona punti.

Le buone condizioni atmosferiche e dell’asfalto, hanno permesso al giovane riminese di risalire dalla 28ª casella della griglia di partenza, fino alla 15ª posizione nell’arco di 11 giri, registrando il  13° miglior tempo in gara a soli 6 decimi dal primo. Sorpasso dopo sorpasso ed un passo gara molto competitivo, hanno portato Manzi sempre più vicino al compatto gruppo che portava alla terza posizione. Purtroppo, una caduta nel pieno del recupero, dovuta alla chiusura dell’anteriore a conseguenza di una forte entrata in staccata, lo ha costretto a rientrare prematuramente ai box. In salita invece la gara del pilota brasiliano, che è comunque riuscito a recuperare due posizioni rispetto alla partenza. La costanza dei tempi registrati da Granado fa ben sperare per un nuovo miglioramento, anche vista l’importante riduzione del distacco rispetto alla vetta della classifica. 

Il prossimo appuntamento è fissato per il week-end del 4-5-6 maggio, nel circuito di Jerez.


unnamed-1.jpg

Stefano Manzi  – DNF
“Questo Gran Premio poteva sicuramente finire diversamente. Sono partito molto indietro ma sono riuscito a fare una buona rimonta e questo mi fa capire che il lavoro che stiamo facendo è sicuramente buono. Forte degli errori dello scorso anno, nella prima curva ho preferito stare tranquillo, infatti anche questa volta ci sono stati molti contatti. Da lì ho iniziato la mia risalita, mi sentivo bene sulla moto e avevo un buon ritmo; stavo battagliando con un bel gruppone che arrivava fino alla terza posizione, ma purtroppo ad un certo punto mi è entrata la folle e quando ho rimesso la marcia ormai avevo preso troppa velocità, mi si è chiuso l’anteriore e non sono riuscito a tenerla. È un vero peccato perché stavo facendo veramente bene, ma sono molto carico e appena arriverò a casa mi allenerò ancora di più per fare bene a Jerez. Ringrazio comunque il team per il grande lavoro e tutti gli sponsor che ci sostengono.”


unnamed-2.jpg

Eric Granado – P22 (+38.579)

"Sono molto contento di aver finalmente girato tre giorni consecutivi in condizioni d’asciutto. Ho imparato molto da questa gara. Sono partito bene, avevo guadagnato anche tre posizioni, solo che ho chiesto troppo alla mia moto e ho fatto un dritto che mi ha fatto perdere 5 posizioni. Successivamente sono riuscito a trovare un ritmo costante ed ho ridotto molto la distanza dalla testa. Chiaramente non sono soddisfatto della posizione finale ma voglio essere positivo e continuare a fare altri passi avanti. Devo lavorare ancora molto anche a casa, sulla concentrazione e sulla forma fisica, infatti ho pagato cara anche la stanchezza a fine gara. Non vedo l’ora di salire di nuovo in sella a Jerez e dare ancora il massimo. Ringrazio il Team e gli sponsor per tutto il supporto e l’opportunità che mi stanno dando."


WhatsApp Image 2018-04-21 at 23.48.44.jpeg

Giovanni Cuzari - CEO Forward Racing Team

“Facendo un bilancio, questo week-end in America è stato sicuramente positivo. Siamo riusciti a migliorare molto rispetto alla prima gara del campionato e ciò ci fa essere fiduciosi nel futuro. Che ci sarebbe stato molto lavoro da compiere lo sapevamo fin dall’inizio, nessuno ha detto che sarebbe stato semplice, ma i costanti progressi di Eric e le grandi rimonte di Stefano ci fanno capire che stiamo procedendo verso la giusta direzione. Ricordiamoci che oggi Manzi partiva dalla 28ª posizione ed è riuscito a registrare il 13o miglior tempo in gara, mentre Eric mancava da questo circuito da ben 3 anni ed ha comunque ridotto notevolmente, nell’arco del fine settimana, il suo distacco dal gruppo di testa. Dalla prossima gara si torna in Europa, una pista che conosciamo e su cui abbiamo fatto diversi test. Ci vediamo a Jerez per il primo GP del campionato europeo.”


BITTER CONCLUSION IN TEXAS FOR THE FORWARD RACING TEAM


The American Grand Prix it’s over and it left a bad taste in the mouth of the Forward Racing Team, even if the big comeback of the cadet of the VR46 Riders Academy, Stefano Manzi, had made some hope to be able to arrive at the points area. 

The good weather and tarmac conditions allowed the young riminese to pass from the 28th position to the 15th in just 11 laps, recording the 13th best lap at only 6 tenth from the first one. Overtaking after overtaking and a competitive race-step, these have brought Manzi always a bit closer to the compact leading group. Unfortunately, a fall in the full of recovery, due to the closing of the front as a result of a strong entry into the brakes, it forced him to prematurely go back at the box. 

The race of the Brazilian rider was uphill, but he still managed to recover two positions from the starting position. The constancy of the times recorded by Granado give to the team the hopeness in an improvement, also seen the important reduction in the gap compared to the top of the ranking. 

The next appointment is fixed for the weekend of 4-5-6 May, in the circuit oh Jerez.


unnamed-1.jpg

Stefano Manzi - DNF

"This Grand Prix could had definitely a different End. I started very far from the head group but I managed to make a good comeback and this makes me realize that the work we are doing is certainly good. With the mistakes of last year, in I preferred to be quiet at the first corner, in fact, also this year there have been many contacts. From that moment I started my ascent. I felt good on the bike and I had a good rhythm. I was battling with a large group that came up to the third position, but unfortunately at some point I entered the crowds and when I put the gear back I had taken too much speed, I closed the front and I could not hold it. It's a shame because I was doing really a good race, but I am emotionally very charged and when I will be at home I will train even harder to do better at the Jerez Grand Prix. However, I thank the team for the great work and all the sponsors for their support.”


unnamed-2.jpg

Eric Granado - P22 (+38.579)

“I am very happy to have finally turned three consecutive days in dry conditions. I learned a lot from this race. I started well and I had also gained three positions. At some point I may asked too much to my bike and I did a straight that made me lose 5 positions. Later I managed to find a steady pace and I reduced a lot my distance from the heading group. Of course I am not satisfied with the final position but I want to be positive and continue to do further progress. I still have a lot of work to do at home, on concentration and physical fitness, in fact I paid a lot the tiredness at the end of the race. I can’t wait to get back on my bike at Jerez and give my best. I thank the Team and the sponsor for all their support and for giving me this opportunity.”


WhatsApp Image 2018-04-21 at 23.48.44.jpeg

Giovanni Cuzari - CEO Forward Racing Team

"Making a general balance, this weekend in America was definitely positive. We managed to improve a lot compared to the first race of the season and this makes us confident in the future. The fact that there would be a lot of work to do, it’s something  we knew from the beginning, nobody said it would be easy, but the constant progress of Eric and Stefano's great comebacks makes us understand that we are moving in the right direction. Let’s remember that today Manzi started from the 28th position and managed to record the 13th best time in the race. Instead Eric had been missing from this circuit for 3 years, and in any case he reduced considerably, during the weekend, his distance from the leading group. From the next race we are back in Europe, in Jerez, a track that we know and on which we have done several tests. See you at Jerez for the first GP of the European championship. "