Si è concluso il venerdì di prove libere del Gran Premio della Repubblica Ceca, decima tappa del Motomondiale, caratterizzato dalle alte temperature sia di aria che di asfalto.

Stefano Manzi è tornato in pista subito determinato e, mentre al mattino ha riscontrato qualche problema di setting, nel turno pomeridiano è riuscito a migliorarsi notevolmente, portandosi a ridosso della zona punti.

Eric Granado, dal canto suo, ha dovuto fare i conti con una caduta nei primi giri delle FP1, che lo ha costretto a focalizzarsi solamente sulle prove libere pomeridiane, dove ha collezionato soltanto dieci giri, nei quali però ha ritrovato il feeling con le linee del tracciato.

Entrambi i piloti, con il prezioso lavoro dei rispettivi team, hanno analizzato le aree di miglioramento, sulle quali inizieranno a lavorare a partire dal turno di libere di domani mattina, così da arrivare il più competitivi possibile, per ottenere un buon posto in griglia di partenza.

Appuntamento, quindi, a domani, con le FP3 che prenderanno il via alle ore 10:55.


unnamed-1.jpg

Stefano Manzi - p20 (2’04.112)

“Stamattina siamo partiti con il setting dello scorso Gran Premio, ma purtroppo abbiamo avuto qualche problema ed eravamo lenti rispetto agli altri. Nel pomeriggio, con qualche modifica, siamo stati più veloci, migliorando parecchio. Speriamo di continuare così anche nella giornata di domani, così da fare una buona qualifica.”


unnamed-2.jpg

Eric Granado - p31 (2’05.977)

“Quella di oggi è stata una giornata abbastanza dura, tutto il contrario di ciò che mi aspettavo. Nel turno del mattino una caduta, seppur senza conseguenze, mi ha permesso di fare soltanto due giri. Nel pomeriggio, all’inizio, ho perso molto tempo perché non si inserivano le marce della moto, poi sono finalmente sceso in pista e ho compiuto dieci giri, nei quali sono riuscito a riprendere il feeling con il circuito, mancando da qui da quattro anni. Sono convinto che oggi abbiamo fatto il massimo di ciò che potevamo; ora con la squadra analizziamo bene quanto accaduto e cerchiamo di capire cosa migliorare, per provare a essere più vicini a chi ci precede, nella giornata di domani.”


Schermata 2018-06-15 alle 19.08.05.png

Milena Koerner - Tean Manager

“La prima gara dopo la pausa estiva è sempre caratterizzata dal forte caldo, con la temperatura dell’asfalto che supera i 55 gradi, che mette a dura prova il fisico di tutti i piloti.

Stefano e’ partito in modo discreto questa mattina, ma e’ andato meglio nel pomeriggio, dove si portato a solo un decimo dalla zona punti. Nonostante ciò sono  ancora molti i margini di miglioramento che abbiamo individuato, su tutti il provare a limitare lo spinning in uscita di curva. Cercheremo, quindi, di lavorare ancora domani a tutto questo, per portare la sua Suter ad esser ancora più competitiva per la qualifica.

Eric, invece, ha avuto un inizio di week-end in salita. Questa mattina dopo pochi giri è caduto per un errore di guida, alla curva uno è arrivato troppo veloce. Per questo, ha girato davvero poco in tutta la giornata: siamo certi che anche lui, domani, riuscirà ad abbassare ulteriormente il suo tempo in pista.”


FIRST DAY OF INTENSIVE WORK FOR THE FORWARD RACING TEAM IN CZECH REPUBLIC


It's ended the Friday of free practice of the Grand Prix of the Czech Republic, tenth stage of the World Championship, characterized by high temperatures of both air and tarmac.

Stefano Manzi returned to the track immediately determined and, while in the morning he encountered some difficulties with the setting, in the afternoon session he managed to improve considerably, moving close to the points area.

Eric Granado, by his side, had to deal with a crash in the early laps of the FP1s, which forced him to focus only on the afternoon session, where he collected only ten laps, in which however he regained his feeling with the lines of the track.

Both riders, with the valuable work of their teams, have analyzed the areas of improvement, on which they will begin to work ,starting from the free practice session of tomorrow morning, in order to get as competitive as possible, to achieve a good place on the starting grid.

Tomorrow the FP3s will start at 10:55.


unnamed-1.jpg

Stefano Manzi - p20 (2’04.112)

"This morning we started with the setting of the last Grand Prix, but unfortunately we had some problems and we were slow compared to the others. In the afternoon, with some changes, we were faster, improving a lot. We hope to continue like this tomorrow so that we can do well in qualifying".


unnamed-2.jpg

Eric Granado - p31 (2’05.977)

"Today has been a pretty hard day, quite the opposite of what I expected. In the morning session a fall, even if without consequences, allowed me to do only two laps. In the afternoon, at the beginning, I wasted a lot of time because I didn't fit in the gears of the bike, then I finally went on track and I completed ten laps, in which I managed to regain the feeling with the circuit, missing from here for four years. I'm convinced that today we've done our utmost; now, with the team, we're analysing what happened and we're trying to understand what we can do to improve so that we can try to be closer to the top tomorrow".


Schermata 2018-06-15 alle 19.08.05.png

Milena Koerner - Tean Manager

"The first race after the summer break is always characterized by strong hot, with the temperature of the tarmac exceeding 55 degrees, which puts a strain on the physique of all the riders. Stefano started discreetly this morning, but he did better in the afternoon, where he was only a tenth off the points area. Despite this, there is still much work for improvement that we have identified to do, above all trying to limit spinning when exiting corners. We will try to work on all this tomorrow to make his Suter even more competitive in qualifying.

Eric, on the other hand, had an uphill start as, this morning he crashed after only a few laps, at the first corner, where, due to a riding mistake, he arrived too fast. That's why he lapped very little throughout the day: we're sure that tomorrow he too will be able to reduce his lap time on the track even further".