Il Gran Premio del Giappone, sedicesima tappa del Campionato del Mondo Moto2 , non ha portato punti al Forward Racing Team.

Stefano Manzi ha disputato una gara tutta di rincorsa: dopo una partenza determinata e i primi giri trascorsi a battagliare in pancia al gruppo, recuperando posizioni fino alla diciottesima, ha poi commesso un errore dove, andando lungo in frenata, ha perso terreno,  scivolando nuovamente indietro, e terminando la sua gara al venticinquesimo posto.

Anche Isaac Viñales ha compiuto una buonissima partenza, guadagnando subito posizioni, per poi finire largo al primo giro e perdere terreno, compromettendo una sua possibile rincorsa: per lui ventisettesima posizione finale.

Per il Team Forward ora non resta che analizzare i dati di questo weekend nipponico e trasferirsi in Australia dove, tra soli sette giorni, si tornerà a gareggiare sul circuito di Phillip Island.


unnamed-1.jpg

Stefano Manzi - P25

“Sono partito molto bene poi, purtroppo, guidavo parecchio al limite e, dopo qualche giro, sono arrivato lungo e sono finito nella ghiaia, perdendo dieci posizioni. Sono poi rientrato, ho tenuto il mio passo, ma avevo perso ormai troppo terreno per tornare a competere con chi stava davanti. Ho fatto del mio meglio, peccato: ora subito testa all’Australia, dove torneremo in pista già tra una settimana”.


_MG_0233.jpg

Isaac Vinales - P27

“E’ stato un fine settimana complicato quello appena concluso. Non è bastata una partenza determinata per farmi concludere la gara in buona posizione. Sicuramente devo migliorare molto, prendendo ancora più confidenza con questa moto. Ora voliamo in Australia, un circuito che mi piace molto e dove spero di far bene”.


Cuzari.jpg

Giovanni Cuzari - Team Owner

“Un weekend sfortunato questo in Giappone. Stefano ha compiuto una buona partenza, guadagnando subito parecchie posizioni. Poi, andando lungo in frenata, ha perso contatto dai piloti che inseguiva, non riuscendo a compiere la rimonta che voleva. Situazione simile per Isaac che, dopo una partenza determinata, è finito fuori pista, perdendo terreno che non è più riuscito a recuperare. Non resta che analizzare i dati registrati in tutto il weekend, e concentrarsi sul prossimo appuntamento che sarà soltanto tra una settimana in Australia. Ringrazio, come sempre, tutti i nostri sponsor e partner che, anche oltreoceano, fanno sempre sentire il loro supporto e la loro vicinanza”.


MOTUL JAPAN GRAND PRIX - SUNDAY


The Grand Prix of Japan, the sixteenth stage of the Moto2 World Championship, did not bring points to the Forward Racing Team.

Stefano Manzi had a race of chase: after a determined start and the first laps spent fighting near the leading group, recovering positions until the eighteenth, he then made a mistake where, in braking, he lost ground, slipping back again, and finishing his race in twenty-fifth place.

Isaac Viñales also made a very good start, immediately gaining positions, to then finish wide on the first lap and lose ground, compromising a possible chase: for him twenty-seventh final position.

For the Forward Team now it’s to analyze the data of this Japanese weekend and move to Australia where, in just seven days, they will return to compete on the circuit of Phillip Island.


unnamed-1.jpg

Stefano Manzi - P25

"I started very well then, unfortunately, I was driving a lot to the limit and, after a few laps, I ended up in the gravel and I lost ten positions. I then came back and kept up with my pace, but I had lost too much ground to compete again with the front. I did my best, it's a shame: now I'm heading straight for Australia, where we'll be back on track in a week's time”.


_MG_0233.jpg

Isaac Vinales - P27

"It was a complicated weekend, the one that just ended. It wasn't enough to have a determined start to get me to finish the race in a good position. I certainly need to improve a lot, getting even more familiar with this bike. Now we are flying to Australia, a circuit that I really like and where I hope to do well”.


Cuzari.jpg

Giovanni Cuzari - Team Owner

"An unlucky weekend in Japan. Stefano made a good start, immediately gaining several positions. Then, in braking, he lost contact with the riders he was chasing, failing to make the comeback he wanted. A similar situation for Isaac who, after a determined start, ended up off the track, losing ground that he could no longer recover. All that remains is to analyze the data recorded throughout the weekend, and focus on the next appointment that will only be in a week's time in Australia. I would like to thank, as always, all our sponsors and partners who, even overseas, always make their support and closeness felt”.